Home > Senza categoria > Lo professore re mandulino: ronn’Emiddio

Lo professore re mandulino: ronn’Emiddio

17 Giugno 2007


Lo professore re mandulino: ronn’Emiddio

Com’a ddoie ventaròle
sparat’ann’aria ra ‘nna mena
e carute, leggie, inta l’uorto
arrivàro cca, a pieri,
a lo Ciliento, a lo Vaddi ra Napuli.

Scappavano ra la uerra, cco dde bbomme
ca te facìano perde la paci e la capo
ronn’Emiddio e ronna Luisella, la sore,
rui maestri re mandulino, ca se lo portàro
appriesso com’a ‘nno tresoro.

Fu ‘nna novità ppe lo Ciliento,
come nisciuno l’avesse mai sentuto
ddo suon’argentino ca se nselecava
inta le bbica, inta le chiazzi, inta le casi.
Era festa si ‘nna matina te scetavano ddi suoni.

La casa loro era la strata
e chedda restào ‘nsi ca morèro.
A nisciuno parèro mai pezzienti.
Se muviano ppe sti paesieddi re lo Ciliento,
ca se feccàro ‘mpietto, com’a ddoie anime
re lo Preatoria ca prèano ppe l’ati.

dDa musica, ddi canti, dde novene,
dda leggerezza r’animo
ca venìa ra le bbica re Napuli
se ‘nnestào cca, inta sti paisi a lo Ciliento.
Com’a ‘nna semente, dda musica facette
sboccià tant’ati fiuri arreto a ddo maestro
re mandulino ronn’Emiddio.

Sapìano tutte le novene re li santi
re li paisi attuorno a lo Vaddi, e,
‘nsiem’a la banda, la matina re la festa
te scetavano ddi suoni argentini
ca no cunuscìano la malincunia.

Ogni mamma re ‘ncasa r’appreparava
‘nno fangottieddo, rogni delizia,
ca se stipavano inta ‘nno panaro.
E, accussì, ppe cinquant’anni.
Oi sonano e cantano ‘ncielo,
e a lo Ciliento nge manca qualcosa!

Il professore di mandolino: don Emiddio. / Come due schegge / lanciate in aria da una mina / e cadute, lievi, nell’orto / arrivarono qui, a piedi, / nel Cilento, a Vallo della Lucania da Napoli. / Fuggivano dalla guerra, con quelle bombe / che ti facevano perdere la pace ed il senno / don Emilio e donna Luisella, la sorella, / due fini maestri di mandolino, se lo portavano dietro / sempre con loro come un tesoro. / Fu una novità per il Cilento, / come nessuno l’avesse mai sentito / quel suono argentino che s’infilava / nei vicoli, nelle piazze, nelle case. / Era festa se di mattina ti svegliava quel suono. / La loro casa era la strada / e quella restò fin che morirono. / A nessuno sembrarono mai dei pezzenti. / Andavano per i piccoli paesi del Cilento, che incominciarono ad amare, come / due anime del Purgatorio che pregano per gli altri. / Quella musica, quei canti, quelle novene, / con quella leggerezza d’animo / che veniva dai vicoli di Napoli / s’innestò qui, in questi paesi del Cilento. / Come un seme, quella musica fece / sbocciare tanti altri fiori dietro / a quel maestro di mandolino, don Emiddio. / Conoscevano tutte le novene dei patroni / dei paesi dei dintorni di Vallo della Lucania, e, / con la banda, la mattina della festa / ti svegliavano quei suoni argentini / che non conoscevano la malinconia. / Ogni padrona di casa preparava per loro / un piccolo involto, colmo d’ogni delizia, / che conservavano in un paniere. / Ed è stato così per cinquant’anni. / Oggi suonano e cantano in cielo, / e nel Cilento ci manca Qualcosa!
Riferimenti: don emiddio

I commenti sono chiusi.